“Laika” e i pulpiti

asca

“Dio vede e provvede” è un modo di dire che i “poveri cristi” interpretati da Ascanio Celestini in “Laika” proprio non possono sottoscrivere. Il nuovo spettacolo dell’attore e autore romano, andato in scena venerdì al Teatro di Gries, è popolato da barboni, vecchiette, “matti”, ubriaconi, prostitute e facchini “negri” che nessuno vuole vedere, Dio compreso. Un mondo che Celestini trasforma in un “treno di parole”, sostenuto da un suonatore di fisarmonica e dalla voce registrata di una nota attrice italiana che non vengono presentati al pubblico.
“Laika” e il suo “creatore” svolgono, quindi, un ruolo essenziale di “controinformazione” dando voce a chi non ce l’ha, senza retorica, mostrando “teste impicciate” e “tic” tipici di chi vive ai margini di una società che quei margini costruisce e dimentica, troppo presa dal “produci e consuma” per domandarsi se “i barboni sono sempre stati barboni”.
Ma nessuno si spaventi, “Laika” riesce anche a far ridere, mostrando i lati grotteschi del sistema consumistico e soprattutto, delle religioni, quello strano mondo in cui chi compie miracoli e prega il Signore è un santo, mentre chi sostiene che Dio gli ha parlato viene considerato folle.
A legare i racconti dei “poveri cristi”, c’è la lotta dei precarissimi facchini extracomunitari che mandano avanti il sistema consumistico quei “negri che con una mano fermano e crumiri e con l’altra tengono la volta celeste che sta precipitando, spostando pacchi con le mani, con la schiena e con il pensiero”, anch’essi invisibili e trattati peggio delle stesse merci che spostano a ritmo continuo.
Il punto di vista di Celestini non è, quindi, solo utile, ma fondamentale, anche se l’autore continua a portarsi dietro la scelta di non concedere assolutamente nulla al pubblico, limitandosi ad immergerlo nel suo rapidissimo fiume di parole, un “questo è quello che ho da dirvi e nulla di più” che finisce per trasformare il palcoscenico in un pulpito.

Recensione uscita sul Corriere del Trentino e dell’Alto Adige il 20/12/2015

 

Questa voce è stata pubblicata in Teatro e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.